periodo: 8 maggio - 15 maggio 2021
durata: 8 giorni
trasporto: Aereo, minibus, trek
sistemazione: Hotel, b&b, bivacco
guida: Ténéré Viaggi e guida locale
08
Mag
partenza 08 Mag: Volo Torino Caselle - Cagliari
15
Mag
ritorno 15 Mag: Volo Cagliari - Torino Caselle

2021 SARDEGNA - trekking Selvaggio Blu

Un percorso incredibile e unico che ci condurrà attraverso cale, falesie, grotte, fiumi e macchia mediterranea. Un'affascinante avventura di intense emozioni tra montagne, secolari boschi di leccio, mastodontici archi, mare, vecchi ovili e panorami mozzafiato lungo antichi sentieri di carbonai e pastori.

Un'escursione della durata di alcuni giorni che può variare nelle tappe e nel livello di difficoltà, attraverso le bellissime cale della costa del comune di Baunei, facendo tappa serale nei tipici ovili del posto o direttamente in spiaggia. Impervi sentieri, antiche mulattiere e ingegnose scale in ginepro, panorami mozzafiato, tra guglie, archi di roccia e imponenti falesie a picco su un mare di una bellezza unica.

08 Maggio - Torino - Cagliari / Olbia

Partenza in aereo per Cagliari / Olbia, trasferimento in minibus lungo l’Orientale sarda, per raggiungere il nostro hotel. Cena e notte in hotel.

09 Maggio - Gola di Gorropu

Il canyon di Gorropu è uno dei canyon più spettacolari d’Europa, nonché uno dei più profondi: questa è una gola di origine erosiva che si trova nel Supramonte, tra i territori del Nuorese e l’Ogliastra. È stata modellata nel tempo dalla forza del rio Flumineddu che scorre sul fondo, a una profondità di 500 metri. La larghezza della gola varia da poche decine a quattro metri. Il paesaggio è segnato da lunghe còdule - canaloni calcarei che a volte giungono sino al mare - strette gole e profonde doline, grotte e inghiottitoi, pareti a falesia e cime oltre i mille metri. L’area è ricoperta da spettacolari esemplari di ginepro, tassi millenari, foreste di leccio e da specie mediterranee (tra cui oleandri e ginestra), habitat della tipica fauna sarda, aquila reale e muflone su tutti.

 L’escursione parte accanto all’hotel: si inizia con 700 mt di dislivello in discesa per raggiungere il vero ingresso della gola, poi un percorso pianeggiante lungo il torrente Flumineddu (circa 45 minuti) fino al punto di incontro con i fuoristrada che ci riporteranno in hotel. Cena e notte in hotel.

L’origine marina della gola è testimoniata dalla presenza di fossili come ammoniti, alghe, pesci, etc. All’interno si troveranno anche esemplari millenari di Fillirea latifolia e Tasso (Taxus baccata) oltre che altre numerose specie endemiche della Sardegna, ma a confermare l’unicità microclimatica del canyon troviamo l’Aquilegia di Gorropu o Aquilegia nuragica,endemismo che, su tutto il pianeta, vegeta in pochissimi esemplari solo all’interno del canyon.

10 Maggio - Monte Cocuttos

Oggi un’altra escursione nell’interno: raggiungiamo la cima del monte Cucuttos, partiamo da Genna Silana, e camminiamo in mezzo ad un rado bosco di plurisecolari lecci ed a magnifici corbezzoli di enormi dimensioni; uno di questi, a quota 840 m s.l.m. circa, è l’ unico punto di riferimento per accedere a S’ Iscala ‘ e su Fenugrargiu (la scala del posto dei finocchi) passaggio obbligato che permette di salire sulla dorsale di Costa 'e Silana per raggiungere poi la Punta Cucuttos da dove si può ammirare uno straordinario e vastissimo panorama, con lo sguardo che spazia a 360 gradi intorno a noi. Sebastiano, che vive in questa zona da sempre, sarà la nostra guida per la giornata e ci saprà indicare il percorso migliore.

Cena e notte hotel Gorropu – Grado di difficoltà EE

Dislivello: 429 m in salita - 429 m in discesa

Tempo di percorrenza: 4 ore e mezza circa A/R

11 Maggio - Cala Gonone - Cala Fuili - Cala Luna - Santa Maria Navarrese

Lasciamo l’hotel al mattino in minibus per raggiungere Cala Gonone, e da qui il parcheggio che sovrasta Cala Fuili, dove inizia il trekking per raggiungere la meravigliosa Cala Luna. Si scendono una parte degli agevoli scalini che conducono a cala Fuili, e si prende un sentiero che segue la costa tra saliscendi vari, con spettacolari vedute sul mare sottostante, fino ad arrivare al promontorio di cala Luna, di qui si scende lungo la “codula di Luna” fino ad arrivare ad un sentiero sabbioso e fiorito che sbocca sul mare. Di qui si vede Cala Gonone e le montagne che fanno da sfondo. Una sosta in spiaggia, per chi vuole un bagno nelle acque turchesi, e poi appuntamento con il gommone che in poco più di un’ora ci porta a Santa Maria Navarrese.

Seguiremo la costa da nord a sud, con una sosta per visitare la Grotta del Fico che si addentra nel profondo della terra, all’interno della ripida scogliera che si affaccia sul mare del golfo di Orosei. L’ingresso a sette metri d’altezza sulla scogliera si raggiunge salendo su una passerella e dall’apertura si domina il tratto del golfo vicino; all’interno stalattiti, stalagmiti e colonne di dimensioni e colori differenti sono su ogni parete della cavità scolpendo forme curiose; un sistema di gallerie e agevoli passerelle ci permetteranno di camminare lungo il letto fossile di un antico fiume. Qui vivevano le foche monache, che non sono più state avvistate da lungo tempo. La visita dura all’incirca 45 minuti, poi ancora gommone per arrivare al porto della cittadina, e di qui in albergo, dove troveremo i nostri bagagli. Cena e notte in hotel a Santa Maria Navarrese.

Trekking circa 2 ore

Trasferimento in minibus circa 1 h

Visita grotta circa 45 mn

Percorso in gommone circa 1,30 mn

12 Maggio - Altopiano del Golgo - Cala Goloritze - Altopiano del Golgo

Oggi il minibus ci porta all’altopiano del “Golgo” nella zona di “Su Porteddu”, da qui inizia il sentiero a piedi che si snoda all’interno di Baccu Goloritzè. Il percorso sino alla spiaggia dura circa un’ora e mezza con un dislivello notevole.

Cala Goloritzè è una delle tante suggestive insenature del golfo di Orosei, riconoscibile dal suo caratteristico arco naturale sul mare e dall’Aguglia, una guglia calcarea dichiarata Monumento Naturale dell’Unesco e meta ambita dai climbers. Una delle sue singolarità è data dalla presenza di sorgenti sottomarine d’acqua dolce, a ulteriore testimonianza dell’attività carsica di profondità.  Lungo il percorso è possibile una deviazione per raggiungere Serra Salinas, punto panoramico dal quale si può ammirare la Cala da 450 mt di altezza. Risaliamo all’altopiano del Golgo, dove potremo visitare Su Sterru, una voragine profonda 290 mt, As Piscinas (laghetti naturali che raccolgono acqua piovana), il Nuraghe Albus e la Faccia Litica detta anche “Su Zigante” una sorta di grande maschera di pietra, posta accanto alla chiesa di san Pietro al Golgo.

Cena e pernottamento sull’altopiano, secondo disponibilità, oppure a Santa Maria Navarrerse

Minibus: circa 30 mn per tratta

Tempo di percorrenza trekking A/R: circa 5 ore

Grado di difficoltà: E

Dislivello: in salita 550 mt, in discesa 550 mt

13 Maggio - Supramonte di Baunei - Pedra Longa - Santa Maria Navarrese

Oggi è il nostro ultimo giorno di trekking, il minibus ci lascia alla fine dell’asfalto, da cui raggiungeremo l’ovile “Us piggius”, poi uno dei sentieri più panoramici della costa ci porta alla cengia Giradili che aggira l’imponente parete di Punta Giradili e scende fino al mare lungo la valle formata da quest’ultima e dalla sua antagonista Punta Argennas. Il percorso segue in parte le antiche mulattiere realizzate da taglialegna e carbonai, vere opere di ingegneria in una zona dell’Ogliastra veramente meravigliosa. Raggiungiamo il mare sotto il faraglione di Pedralonga, un roccione calcareo a picco sul mare. Da qui ancora un’ora e mezza di cammino per rientrare in hotel seguendo un sentiero vista mare. (per chi vuole è possibile rientrare in hotel in auto da Pedra Longa). Anche oggi Bastianu sarà con noi, per indicarci il sentiero migliore. Cena e notte in hotel.

Da Us piggius a Pedra Longa (E)

Durata 4:00 h Distanza 4.2km Dislivello negativo 660 m Dislivello positivo 60 m Altitudine Max 655 m

Da Pedra Longa a Santa Maria Navarrese

Durata 1:45 h Distanza 4.5km Dislivello positivo 110 m Dislivello negativo 140 m Altitudine Max 149 m

La guglia di Pedra Longa ad un primo sguardo appare come uno scoglio di enormi dimensioni, in realtà è un ‘pezzo di montagna’ franato in tempi immemori dalla falesia circostante, trait d’union fra massiccio del Gennargentu e golfo di Orosei: è un blocco calcareo-dolomitico, parte integrante (staccatasi) del vastissimo tavolato di Baunei. La sua conformazione ‘a guglia’ si solleva dal mare sino a un’altezza di 128 metri: è uno dei più alti spuntoni di roccia dell’Isola direttamente a picco nel mare, dichiarato monumento naturale nel 1993. Il nome originario è Aguglia o Agugliastra, da cui deriverebbe Ogliastra e che rende l’idea della forma allargata in basso e slanciata verso l’alto. Così era chiamata in passato dai naviganti e segnalata nei portolani, perché riferimento visibile a numerose miglia di distanza.

14 Maggio - Giornata relax

Oggi giornata relax: una passeggiata lungo la spiaggia, la torre saracena, un masso pre-nuragico che testimonia la storia antica dell’isola, l’enorme ulivo accanto alla chiesa, sorta come ringraziamento della principessa di Navarra scampata ad un naufragio... Il tempo di riposarsi e visitare il paese; domani si rientra in “continente”. Cena e notte in hotel.

Un’antica leggenda lega il nome di questa località ad una Principessa arrivata dalla lontana Navarra in Spagna… forse scacciata o fuggita dal padre Garcia IV, Re di Navarra, la giovane ed il suo seguito, intorno all’anno 1052 sfuggì ad una temibile tempesta e trovò scampo e riparo nella sicura baia protetta dai venti del nord. All’ombra di millenari Olivastri, come ringraziamento alla Madonna per lo scampato pericolo, fece costruire la bianca Chiesetta tuttora visitabile.

15 Maggio - Cagliari - Torino

Colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di ritorno a Torino.

NOTIZIE UTILI

Il viaggio si svolgerà nel rispetto delle norme anti-covid in vigore, in sicurezza e secondo buon senso. 

Le date potrebbero subire variazioni o il viaggio potrebbe essere annullato, qualore l'emergenza sanitaria lo richieda.

COSE DA PORTARE

Informazioni non ancora disponibili

SCHEDA TECNICA

Informazioni non ancora disponibili
  • Viaggio 8 giorni e 7 notti
  • Minimo: 8 partecipanti
  • Costo: Quota individuale 1090.00 €
  • Costo aggiuntivo: Quota iscrizione 50.00 €
  • Costo aggiuntivo: Supplemento se 7 partecipanti 30.00 €
  • Costo aggiuntivo: Supplemento se 6 partecipanti 50.00 €
  • Costo aggiuntivo: Supplemento se 5 partecipanti 70.00 €

La quota comprende

- 7 notti in mezza pensione in hotel (come indicato)

- Tutti i trasferimenti in gommone

- Tutti i trasferimenti in fuoristrada

- Tutti i trasferimenti in minibus

- Ingresso al canyon di Gorropu

- Ingresso alla Grotta del Fico

- Ingressi alle cale

- Asistenza e accompagnatore Ténéré Viaggi

- Assicurazione medica

La quota non comprende

Costo calcolato con sistemazioni in camera doppia

- VOLO AEREO - da quotare al momento della prenotazione

- Quota iscrizione € 50,00

- Pranzi

- Bevande ai pasti

- Supplemento camera singola da definire

- Assicurazione annullamento viaggio (facoltativa)

- Mance e facchinaggio, spese di carattere personale

- Tutto quanto non previsto nella voce "La quota comprende"