periodo: 24 dicembre - 7 gennaio / 26 dicembre - 4/5 gennaio
durata: 10 giorni + eventuale traghetto
trasporto: Traghetto / Aereo, 4x4
sistemazione: Hotel, riad, campo
guida: Ténéré Viaggi

2022 MAROCCO - Capodanno 4x4

Capodanno sotto le stelle, su un percorso tutto da scoprire!

24 Dicembre - 26 dicembre - Genova - Tangeri

24 dicembre: Partenza del traghetto da Genova a Tangeri alle h 17.00. Ritrovo al porto tre ore prima dell’imbarco.

25 dicembre: Navigazione.

26 dicembre TRAGHETTO: Sbarco a Tangeri alle h 20.15. Notte in hotel a Tangeri.

26 dicembre VOLO: Volo Milano MPX - Casablanca h 12.05-15.20 oppure h 16.55-20.10. Ritiro dell’auto in affitto, e l'indodomani appuntamento nel primo pomeriggio a Meknes.

27 Dicembre - Tanger - Meknes (circa 4,30 h)

Nel pomeriggio una breve vista a Meknes: fu il sultano Moulay Ismail che, nel XVII secolo, iniziò il progetto per rendere Meknes la più meravigliosa capitale imperiale: palazzi, moschee, giardini, vasche, scuderie vengono costruite in più di cinquant'anni, senza tuttavia riuscire a completare il gigantesco perimetro delle mura. Spettacolare la grandiosa porta Bab Mansour dalla quale si accede alla città vecchia. Cena libera e notte in hotel a Meknes.

28 Dicembre - Meknes - Errachidia

Scendiamo verso sud passando da Azrou e la foresta dei cedri, qui scimmie curiose aspettano i turisti per scroccare noccioline ed altro. Una strada spettacolare ci conduce attraverso il Tunnel del Legionario (costruito dai francesi 20 km a sud di Rich) nelle gole dello Ziz, attraversiamo cittadine e ksour contornate da palmeti. Cena e notte in hotel a Errachidia.

29 Dicembre - Errachidia - Boudnib - Merzouga

Imbocchiamo la pista di Boudnib, un lungo percorso tutto fuoristrada tra falaise di rocce colorate, per raggiungere le spettacolari dune rosate dell’Erg Chebbi. Cena e notte in campo tendato / hotel.

30 Dicembre - Merzouga - Ouzina Tajine

Mattinata tra le dune dell’erg Chebbi, una catena imponente e mobile di dune, poi iniziamo la “pista dei Dinosauri”, lungo il percorso incontreremo paesini e piccoli “ksour” isolati, che sono stati trasformati in albergo. Attraversiamo un oued e poco dopo su una collina rocciosa troviamo alcune incisioni rupestri, testimonianza perenne della vita preistorica in una zona allora verdeggiante. Inizia la “Pista dei Dinosauri”, 320 km da percorrere in due giorni, non ci sono particolari difficoltà, ma zone di sabbia molle e “fech-fech”, che ostacolano il percorso. Lungola strada troviamo le dune di Ouzina: divertimento assicurato!! Cena e notte al campo tra le dune, nei pressi di una formazione rocciosa a forma di "tajine, la pentola di ceramica da cui prende nome il piatto nazionale marocchino.

31 Dicembre - Tagounit - Mah'mid - Erg Chegaga

Lasciamo il campo e raggiungiamo Tagounite; nei pressi di Ma’hmid, per rifornimento di carburante e provviste fresche, pochi chilometri di asfalto, e siamo nuovamente fuoristrada. Direzione Oasi sacra... E le dune dell’erg Chegaga, per preparare il campo di Capodanno. Cenone sotto il tendone, dall'aperitivo al dolce, non ci faremo mancare nulla, sopra di noi le innumerevoli stelle del cielo del deserto. 

01 Gennaio - Erg Chegaga - Foum Z'guid

Mattinata tra le dune dell’erg, le più alte del Marocco, per testare i mezzi e l’abilità dei piloti, finite le dune troviamo il lago asciutto di Iriki, con un buffo bar a forma di tolda di nave, il Titanic!! La pista prima è sabbiosa e poi scorrevole e veloce sul lago secco, l’ultimo tratto più sassoso ci porta a Foum Zguid, una piccola piazza soleggiata ci invita ad una sosta. Cena e notte all’hotel Bab Rimal di Foum Zguid.

02 Gennaio - Foum Z'guid - Ait Ben Haddou

Da Foum Zguid ritroviamo asfalto, una strada panoramica nell’ Atlante, la strada sale fino a circa 1700mt, ed attraversa i colli di Tizi-n-Timlaine, Tizi-n-Taguergoust e Tizi-n- Bachkoum, le curve non mancheranno, ma il panorama è magnifico. Arriviamo alla sera all’albergo di Ait Ben haddou, cena e notte in hotel.

 

03 Gennaio - Ait Ben Haddou - Marrakech

Al mattino visitiamo la Kasbah di Ait Ben Haddou, la più spettacolare fortezza del Marocco del Sud, sito patrimonio mondiale dell’UNESCO: la più grande e famosa kasbah del Marocco, che è una cittadella fortificata. Ancora oggi alcune famiglie vivono all’interno delle mura, costruite in fango e paglia, che risalgono al 1600. La kasbah è costruita sulla collina, in modo da dominare la vallata, caratteristiche sono le torri angolari e gli stretti vicoli che si arrampicano tra le abitazioni, sulla sommità della collina svetta un grande granaio fortificato chiamato “agadir”. Tutte le costruzioni sono originali, e mantenute negli anni, sfondo perfetto per molti film in costume, tra cui "Lawrence d’Arabia", “Il Gladiatore e “Un the nel deserto”. Una sosta caffè, e lasciamo la kasbah in direzione del passo del Tich’ka.

Saliamo lungo la valle dell’Ounila, seguendo un’antica carovaniera denominata “la via del sale” per la presenza delle vecchie miniere di salgemma di Anemiter, raggiungiamo la kasbah Telouet, che merita una sosta. La Kasbah, detta anche Palais de Gloui occupa una posizione strategica nell'Alto Atlante. Il pascià Glaoui aveva il privilegio di trovarsi sul passaggio delle carovane di mercanti, che collegavano le principali città del deserto al di là dell'Atlante e di essere anche il proprietario delle vicine miniere di sale, entrambe fonti di infinita ricchezza. Raggiungiamo il passo del Tizi-nTichka (2260 mt), solitamente fa piuttosto freddino. Scendiamo verso Marrakech su una strada super panoramica, per raggiungere la “città rossa”. Cena libera e notte in hotel.

(La Kasbah Telouet attuale venne costruita dal 1860 dalla tribù berbera dei Glaoua, accanto ad una vecchia Kasbha i cui resti sono ancora oggi visibili. Venne poi ampliata notevolmente nel corso della prima metà del XX secolo da Thami El Glaoui. La leggenda vuole che 300 operai abbiano lavorato per tre anni per decorare soffitti e pareti. Le pareti sono trattate, a volte con stucco e qualche volta con zellige, mentre il legno di cedro dipinto è utilizzato per i soffitti. I tetti sono coperti da tegole in ceramica dipinta di verde. Il risultato è un insieme di edifici enormi, e il cui interno mostra una grande ricchezza. Il supporto dato ai francesi da Thami El Glaoui, spesso chiamato Le Glaoui, durante l'occupazione francese del Marocco, gli procurò il sostegno reciproco delle autorità coloniali francesi. Al culmine del suo potere, Glaoui rappresentava una grande potenza che fece di lui una delle figure principali del paese, ma questo si ritorse contro di lui dopo l'indipendenza del Marocco).

 

MARRAKECH: per chi viaggia in traghetto, solo poche ore… per chi viaggia in volo, c’è la possibilità di fermarsi una notte in più e godersi la città.

 Marrakech ha quasi mille anni di storia e 18 km di mura che cingono la città vecchia. Nel corso del tempo le tracce del suo splendore si sono sovrapposte, altre sono state cancellate, ma è l'atmosfera particolare di questa città a creare il suo fascino.

Visite possibili:

- Giardini Majorelle: un mondo di colori e piante succulente, bella la sala da tè interna, merita una sosta tranquilla. Lo shop dei Giardini è uno dei più cari di Marrakesh, ma la qualità è innegabile;

-  Palazzo Bahia e la Medersa Ben Youssef;

- Piazza Jemaa El Fna, vero palcoscenico all’aperto dove si esibiscono acrobati, incantatori di serpenti, cantastorie, dentisti e venditori di spezie miracolose. Poco prima del tramonto semplici banchetti di cucina locale prendono posto, regolati da una regia misteriosa. La piazza, custode di un'antica tradizione, è stata inserita nel 2001 in una lista speciale dell'Unesco: quella del Patrimonio orale e immateriale dell'Umanità. Bella da vedere a tutte le ore del giorno;

-  Minareto e la Moschea della Koutoubia (solo dall’esterno) risalenti al XII secolo;

- Tombe Saadiane;

- una farmacia tradizionale, con erbe e medicinali naturali di tutti i generi.

04 Gennaio - 7 gennaio - Marrakech - Tangeri - Genova

IN TRAGHETTO

4 gennaio:  Mattinata libera a Marrakech per gli ultimi acquisti, partiamo nelle prime ore del pomeriggio per raggiungere il porto al più tardi alle h 20.00, il traghetto partirà alle h 23.59.

5 e 6 gennaio: Navigazione.

7 gennaio: Sbarco a Genova alle h 08.45.

IN AEREO:

4 gennaio: Trasferimento in aeroporto per il volo di rientro OPPURE giornata libera a Marrakech.

5 gennaio: Trasferimento in aeroporto per il volo di rientro.

NOTIZIE UTILI

Informazioni non ancora disponibili

COSE DA PORTARE

Informazioni non ancora disponibili

SCHEDA TECNICA

Informazioni non ancora disponibili
  • Viaggio 10 giorni e 9 notti + eventuale traghetto
  • Minimo: 8 partecipanti
  • Costo: Quota individuale 1450.00 €
  • Costo aggiuntivo: Quota iscrizione 70.00 €

La quota comprende

- Assistenza Ténéré Viaggi da Tangeri a Tangeri

- Tenda doccia nelle sere al campo

- Hotel (7 notti), campi come da dettaglio del programma (2 notti)

- Colazioni e cene nei giorni al campo

- Colazioni nei giorni in hotel

- 4 cene in hotel

- Assicurazione medico-bagaglio con copertura Covid

La quota non comprende

Quota calcolata con sistemazione in camera doppia

- Quota iscrizione e gestione pratica € 70,00

- Traghetto OPPURE volo A/R (da quotare al momento della prenotazione) 

- Pranzi

- Bevande ai pasti negli hotel

- Mance e facchinaggio, spese di carattere personale

- Assicurazione annullamento viaggio (facoltativa)

- Tutto quanto non previsto nella voce “La quota comprende”

N.B. - È necessario passaporto con minimo 6 mesi di validità e certificato vaccinale.