periodo: 21 - 28 maggio 2018
durata: 9 giorni
trasporto: Aereo, MTB
sistemazione: Hotel
guida: Ténéré Viaggi
19
Mag
partenza 19 Mag: Volo Milano - Oviedo
27
Mag
ritorno 27 Mag: Volo Santiago - Milano

2018 CAMMINO PRIMITIVO di SANTIAGO MTB

FINO AI CONFINI DELLA TERRA…

Questo si credeva durante la dominazione Romana, fin dal 1 sec. a.C., del promontorio di Finisterrae, punto di arrivo del nostro viaggio.

Ma partiamo dall’inizio… Nel nord della Spagna, partendo dalla città di Oviedo, si sviluppa attraverso le foreste e le nodose “sierras” un cammino alternativo, detto “Primitivo”. Questo percorso di circa 300 km fu la prima strada che percorsero i Pellegrini per raggiungere la tomba dell’apostolo Giacomo a Santiago de Compostela. Negli anni successivi, le genti provenienti da tutto il continente aprirono nuovi percorsi più agevoli e più sicuri, lasciando così cadere in disuso il Cammino Primitivo, preservandone la sua bellezza fino ai giorni nostri.

Abbiamo pensato a  questo percorso attirati dal suo fascino storico e, dopo ricerche più approfondite, lo abbiamo ritenuto perfetto per un Bike-trekking avventuroso, immerso tra natura, storia ed architettura.

Il viaggio avrà una durata di 9 giorni, di cui sette in bici sui sentieri che conducono in cima al Monte Gozo, che sovrasta la città di Santiago e uno facoltativo per chi vorrà proseguire fino al mare,  raggiungendo il faro del promontorio di Finisterrae, il punto più ad ovest di tutto il continente. È qui che la fine dell’originale percorso si conclude con il famoso Cippo del Camino di Santiago, recante le cifre 0.00 Km. Le tappe saranno tra i 40 ed i 55 km, per sette giorni, con dislivelli variabili su sentieri sterrati. 

19 maggio - volo Milano - Oviedo

Volo dall’Italia. Notte in hotel.

Volo dall' Italia. Trasferimento con minibus in hotel, poi una passeggiata nelle intricate vie medioevali che sono il cuore della città, per scegliere il ristorante dove cenare nella nostra prima serata in Spagna.

20 maggio - Oviedo - Cornellana

39 Km -dislivello positivo 690 m

Notte in hotel.

Oviedo è una cittadina antica, fondata intorno alla metà dell'VII secolo. Capitale del regno delle Asturie, i suoi abitanti si vantano di essere sempre stati spagnoli, non a caso nelle Asturie si trova la più antica nobiltà spagnola e l'erede del trono di Spagna porta il titolo di Principe delle Asturie. Sul lastricato nella piazza di fronte alla cattedrale di Oviedo, si trova una targa che ricorda che di qui è partito nel IX secolo il primo pellegrinaggio per Santiago de Compostela, voluto dal re Alfonso II, detto "il casto", dopo la scoperta della tomba dell' apostolo Giacomo.

Famosa per la sua università, Oviedo è sicuramente una città di forte interesse culturale, la città cristiana più antica del Paese, da cui partì la Reconquista per scacciare i Mori. Dal 1985 è patrimonio dell'UNESCO- Foto di rito sul sagrato della cattedrale, una sosta alla Casa del pellegrino per il primo timbro sulla Credenziale de camino, e si parte da Oviedo: salite e discese abbastanza morbide ci portano nel cuore della valle del Rio Nalon. Dopo Grandas de Salima iniziano le varie salite che ci accompagneranno per tutto il cammino primitivo. Raggiungiamo l'Alto de Fresno e il panorama ci ripaga della fatica, poi si scende nella valle del Rio Narcea e raggiungiamo Cornellana con un impegnativo single trak, che si può in parte percorrere a piedi. Notte nelle accoglienti camere di un'antica casa Asturiana ristrutturata e cena nel bar/ristorante del paese.

 

 

21 maggio - Cornellana - Tineo

34,87 km - dislivello positivo 1.037 m

Notte in hotel.

Con questa tappa entriamo nelle Asturie Occidentali, la zona più selvaggia del principato. Per la prima parte della giornata siamo nella stretta valle del Rio Nonaya, un susseguirsi di piccole case, frazioni solitarie e single trak nei boschi. L'arrivo a Salas con i suoi bar e ristoranti ci offre l'occasione per una sosta. Nel pomeriggio un continuo saliscendi, a volte anche qualche spinta ma i panorami ed i verdissimi boschi ci ripagano della fatica. Arriviamo nella cittadina di Tineo, arroccata sulla cima di una collina, e siamo alloggiati in un'antico palazzo nobiliare: il Palacio de Meras, nella piazza principale della cittadina. La cena viene servita nel cortile interno, una sistemazione da "signori pellegrini"...

22 maggio - Tineo - Berducedo

54 km - dislivello positivo 1.167 m

Notte in hotel.

Oggi affrontiamo la Ruta de los Hospitales, non impegnativa ma con una bellissima e facile discesa nei boschi. Poi continui cambi di pendenza ci portano fino a Pola de Allende, piccolo paese dove numerosi piccoli bar ci offrono l'occasione di una sosta ristoratrice. Da qui inizia una salita di 12 km su una strada asfaltata secondaria molto bella che ci porta a 1200 m di quota, siamo a Porto de Palo, da qui lo sguardo spazia a 360° su colline, boschi e montagne, se la giornata è limpida lo spettacolo è magnifico. Ora affrontiamo la discesa su Berducedo: possiamo scegliere tra l'asfalto e un sentiero abbastanza ripido e sassoso che taglia i tornanti. Berducedo è un micro paese, qui una casa privata adibita a locanda è la nostra sosta per la notte. La signora Mabel ed il marito saranno i nostri padroni di casa: la tortillas di Mabel è assolutamente da non perdere!

23 maggio - Berducedo - A Fonsagranada

51,98 km - dislivello positivo 1.211 m

Notte in hotel.

La prima parte della tappa è una lunga discesa fino al bacino di Saline, dove la strada scorre lungo l'invaso della diga, poi si riguadagna il dislivello perso con una salita lunga ma senza strappi violenti. Oggi lasciamo l'Asturia per entrare in Galizia. Una bella discesa fino ai piedi della collina di Fonsagrada e ultimo strappo per raggiungere il paese, che come tutti i paesi di questa regione, è in cima ad una scoscesa collina! Notte in un piccolo albergo in centro città e cena in una "pulperia", per gustare il primo famosissimo "polpo gallego".

24 maggio - A Fonsagranada - Lugo

57,82 km - dislivello positivo 822 m

Notte in hotel.

Si parte subito nei boschi e anche se nella provincia di Lugo, i profili sono più dolci di quelli che ci hanno abituato le Asturie, la strada è tutta una salita! Da Cadavò dopo circa 25 km la strada inizia a scendere lungo una bellissima pista forestale. Infine l'avvicinamento a Lugo, che compare davanti a noi in cima alla solita erta collina. Un' ultima fatica per raggiungere la città, racchiusa da una cinta di antiche mura romane veramente imponenti, risalenti al III secolo. Il nostro albergo è in pieno centro, posizione perfetta per una passeggiata con aperitivo sulla Plaza Mayor, o per i più infaticabili, per il tour completo delle mura. Cena libera e notte in hotel.

25 maggio - Lugo - Melide

49,64 km - dislivello positivo 789 m

Notte in hotel.

Nella prima parte della giornata attraversiamo una campagna ricca ma disabitata, inframezzata di tanto in tanto da minuscoli villaggi. Dal km 32 circa ci immettiamo nella tortuosa corrente del Camino Frances e gustiamo gli ultimi momenti di solitudine del Cammino Primitivo, perchè a Melide, ultima tappa per i ciclisti prima di Santiago, il numero di pellegrini è veramente importante. Melide è stranamente quasi tutta in piano, ed il Camino attraversa la città, per proseguire nella campagna. Cena libera e notte in hotel.

26 maggio - Melide - Santiago

54,98 km - dislivello positivo 832 m

Notte in hotel.

Oggi la meta è Santiago: il premio della nostra fatica. Si cerca il più possibile di rimanere nei sentieri per immergerci ancora per qualche km nella natura, perchè la parte finale del "cammino" è inglobato fra l'areoporto ed il cemento e conserva poco del fascino di un tempo. Un fascino che ritorna prepotentemente all'ingresso della Cattedrale lungo le strette vie medioevali. L'imponente Cattedrale ben racconta il potere della Chiesa nei secoli passati, ed "l'Hostal de los Reis Catolicos", ora albergo super stellato, la potenza della corona spagnola. Raggiungiamo l'ufficio dei pellegrini, per chiedere l'emissione de "la Compostela", che attesta i km percorsi per raggiungere la tomba dell'apostolo Giacomo; la si può richiedere per motivi religiosi, quindi legati alla ricerca della spiritualità, oppure per motivi sportivi, ad ognuno la scelta che ritiene più adatta. Cena in uno dei numerosi ristoranti che accolgono i pellegrini alla fine del loro viaggio, notte in hotel.

27 maggio - volo Santiago - Milano

Volo per l’Italia.

Mattinata libera, giro-in-giro per le animate vie della cittadina, la messa solenne in Cattedrale alle ore 12:00 rende omaggio a tutti i pellegrini che hanno ritirato la "Compostela" il giorno precedente, nominandoli uno ad uno se sono pochi, o per gruppi se sono numerosi. (per entrare nella Cattedrale in tempo per la messa bisogna mettersi in coda con molto, molto anticipo). Nel pomeriggio trasferimento in areoporto per il volo di ritorno per l'Italia.

NOTIZIE UTILI

Informazioni non ancora disponibili

COSE DA PORTARE

Informazioni non ancora disponibili

SCHEDA TECNICA

Informazioni non ancora disponibili
  • Viaggio 9 giorni e 8 notti
  • Termine iscrizione: 06 aprile 2018
  • Minimo: 10 partecipanti
  • Costo: Quota individuale 770,00 €
  • Costo aggiuntivo: Quota iscrizione e gestione pratica 30,00 €

La quota comprende

- Pernottamento + prima colazione 19-27 maggio

- Assistenza Ténéré Viaggi

- Trasporto bagagli lungo tutto il percorso

- Assicurazione medico/bagaglio Filo Diretto

La quota non comprende

- Quota iscrizione e gestione pratica € 30,00 / persona

- Volo aereo A/R

- Trasporto MTB A/R in carrello Vigone * - Oviedo / Santiago - Vigone* € 200,00

- Assicurazione annullamento viaggio (circa il 6% del totale)

- Tutto quanto non espressamente previsto ne “La quota comprende”

* consegna MTB presso la nostra sede di Via Torino 43 - VIGONE